Target Marketing: 5 consigli per individuare i nostri acquirenti ideali!

target marketing

Il target marketing è la base di un buon progetto. Sulla base di questo, l’azienda costruisce la propria strategia di marketing per promuovere al meglio i suoi prodotti e/o servizi.

Molti motivatori utilizzano il mantra del “conosci te stesso” per insegnarti ad affrontare il mondo, per le aziende conoscersi è importante, ma un altro mantra fondamentale è “conosci il tuo target”.

Partiamo dalla cosa fondamentale: distinguere tra target marketing e clientela.

Il target marketing è la creazione di un profilo di persone a cui l’azienda si vuole e si deve rivolgere.

La clientela è l’effettivo acquirente del nostro prodotto o del nostro servizio. Naturalmente il nostro scopo è farli coincidere, ovvero rivolgersi con la nostra strategia di marketing nella maniera più precisa possibile al nostro target, che diventa così clientela.

Pensare che target e clientela coincidano al 100% è ovviamente poco probabile, ma con una buona analisi del target possiamo far sì che queste due “entità” si avvicinino il più possibile.

Con questo articolo proveremo ad aiutare tutti coloro che vogliono creare un target o vogliono rivedere il proprio, tramite alcuni consigli basati su errori comuni.

Come sempre si tratta di consigli, basati sulla nostra esperienza ed il nostro studio, senza nessuna pretesa di considerarci guru o professori del web marketing.

Distingui il target marketing dal target della comunicazione

target marketing

Può sembrare una sottigliezza, ma in realtà non lo è: sbagliare il target marketing sarà più costoso per l’azienda rispetto al target della comunicazione.

Il primo, se creato con criterio e professionalità, influenzerà le caratteristiche del nostro prodotto, le sue funzionalità, il prezzo e tutta la strategia di marketing.

Se commettiamo invece un errore sul target di una campagna di comunicazione ci basterà correggere la comunicazione per ottenere il risultato sperato. In poche parole il target della comunicazione è soltanto il destinatario del nostro messaggio di quella relativa campagna.

Parti dalla regola delle 4W

Prima delle classica regola delle 4W, noi siamo soliti fare un passaggio ulteriore: brainstorming.

Basta prendere un foglio di carta o una lavagna e buttare giù tutta una serie di caratteristiche che secondo noi possono avere le persone interessate ai nostri prodotti e/o servizi.

Non si tratta di un passaggio fondamentale, ma ci è sempre sembrato utile per liberare la mente da tutte le idee e avere così più coscienza quando affrontiamo la regola delle 4W.

  • Who: chi acquista?
  • When: quando acquista?
  • Where: dove acquista?
  • Why: perché acquista?

Buyer Personas

Sembrerà assurdo ma fare un ritratto vero delle persone a cui ci vogliamo rivolgere è di grandissimo aiuto.

Le Buyer Personas corrispondo al ritratto di un cliente ideale di un brand o di un’azienda. Sono quindi delle astrazioni, che non possiamo certo incontrare per strada, ma ci permettono di affinare la nostra strategia di marketing.

Sapere tutto di una persona ( anche se finta perchè, comunque, si deve partire da analisi vere!), ci permette di comunicare in maniera efficace con essa e quindi, di conseguenza, con i nostri clienti ideali.

Analizza i social network

target marketing

Il primo passo che deve fare il marketing è ascoltare. Su questo sito lo abbiamo ribadito diverse volte: “la comunicazione parte non dalla bocca che parla…ma dall’orecchio che ascolta”.

Se ancora non abbiamo avviato il nostro progetto e non abbiamo dati da analizzare, la prima cosa da fare è analizzare i competitor e l’audience generale.

Cerchiamo prodotti o servizi simili ai nostri e vediamo come, le aziende che li erogano, si stanno muovendo. Analizziamo anche il pubblico come sta reagendo alle strategie proposte.

In caso, abbiamo già un nostro sito ed i nostri canali social, il lavoro da fare è semplice. Analizzare e approfondire ogni metrica che possiamo con Google Analytics, Facebook insights, Instagram insights ecc.

Con l’analisi dei dati provenienti dal nostro sito andiamo ad affinare il nostro target con dati più oggettivi, come età, sesso, strumenti utilizzati ecc.

Con gli insights dei social network andiamo invece a capire meglio quali sono i gusti di chi ci segue e anche cosa NON gli interessa.

Trova la tua identità

Il miglior consiglio che posso darti è: scopri te stesso. Prima di scoprire il tuo target, scopri te stesso.

Che tu sia un libero professionista, il titolare di un’azienda o il responsabile marketing se conosci al meglio quello che vuoi comunicare, saprai farlo al meglio.

Quando non crediamo in quello che stiamo facendo, o neanche noi abbiamo un idea precisissima di chi siamo e dei nostri obiettivi, sarà difficile comunicarlo ad altre persone.

Le strategie di successo nascono per prima cosa da una grande consapevolezza. Che sia la consapevolezza del brand per cui lavoriamo o consapevolezza di noi stessi come professionisti, poco importa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *